Una battaglia persa

Svetlana Aleksievič
Traduzione di Claudia Zonghetti
Ed. Adelphi, 2022

Nel 2015 Svetlana Aljaksandraŭna Aleksievič fu insignita del premio Nobel per la Letteratura: la motivazione fu “la sua scrittura polifonica, un monumento alla sofferenza e al coraggio nel nostro tempo".

Di madre ucraina, di padre bielorusso, ha vissuto a Minsk e ha scritto in lingua russa. Di sé stessa ha detto: “Ho tre case: la mia terra bielorussa, che è la patria di mio padre e dove ho vissuto tutta la vita; l’Ucraina, che è la patria di mia madre e dove sono nata; la grande cultura russa, senza la quale non riesco a immaginarmi”.

Ha raccolto e dato voce nei suoi libri alla gente comune, quelli che non trovano posto nella Storia ma le cui esistenze dalla Storia sono travolte, sopraffatte o annientate: migliaia di testimonianze raccolte con coraggio, entrando nel dolore delle vite, nell’orrore della guerra e della catastrofe nucleare. “Ho pensato spesso che non avrei avuto il coraggio di arrivare fino in fondo. Ricordo di aver parlato un giorno con una donna che aveva passato quindici anni in un campo sotto Stalin e che, malgrado tutto, continuava ad ammirarlo. Desiderai piangere. Ricordo di aver visto giovani che lavoravano alla centrale di Chernobyl dopo la catastrofe senza particolari protezioni. Ricordo gli ospedali afgani dove i miei occhi guardavano le atrocità commesse dai nostri soldati. Più di una volta ho perso conoscenza. Non sono un’eroina. Queste voci mi hanno perseguitata, ossessionata”.

La sua opera è tradotta in italiano. Bompiani ha raccolto in due volumi i suoi romanzi principali.

Adelphi pubblica oggi il discorso pronunciato a Stoccolma nel 2015: parole tragiche che non passano senza lasciare traccia nei nostri cuori e nelle nostre coscienze.

Invito alla lettura

Potrebbe Interessarti

(In)attualità del Pensiero Critico: Seminario Permanente

Ernesto de Martino

2018-corrente
scopri di più
Riaccendiamo Il Classico

Le Supplici di Eschilo: ieri e oggi

7 dicembre 2017
scopri di più
Convegno sul Sogno

Il Sogno

Angela Peduto
25 maggio 2013
scopri di più
Convegno sul Transfert

Pluralité des transferts dans le travail avec les enfants. Le point de vue de l'École Française

Claude Boukobza
12 novembre 2011
scopri di più
La Musa Inquieta

Pier Paolo Pasolini: una lettura della nostalgia

Franco Zabagli
22 aprile 2023
scopri di più
Pagine Nomadi

Hannah Arendt e il sogno di una federazione post-nazionale e post-coloniale

Octave Lamargnac-Matheron
20 gennaio 2024
scopri di più
Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.