Au temps des utopies radieuses. Création et folie en Russie soviétique (1921-1929)

Giordana Charuty & Elena Prosvetina
Ed. Les Presses du réel, Paris, 2021

Au temps des utopies radieuses. Création et folie en Russie soviétique (1921-1929).

Suivi de Pavel Karpov, L’activité créatrice des aliénés (1926)

Negli anni Venti del ‘900, in Russia, subito dopo la Rivoluzione, emerge un forte interesse per le relazioni tra arte e ciò che comunemente e genericamente chiamiamo follia. La specificità di questo interesse, rispetto ad altri luoghi d’Europa, è che si sviluppa all’interno di una nuova istituzione, l’Accademia di Stato delle Scienze dell’arte (GAKhN). L’Accademia si rivela un eccezionale laboratorio di creatività e ricerca; con un programma concepito da Kandinsky e fondato sull’articolazione di saperi disciplinari diversi, per dieci anni raccoglie filosofi, psicologi, fisici, artisti, storici dell’arte e della letteratura, chiamati a esplorare i percorsi della creazione e, integrandone tutte le forme, a ripensare il lavoro della cultura.

In questo contesto lo psichiatra Pavel Karpov dirige una commissione che, in dialogo con il dipartimento di filosofia, dunque all’incrocio tra filosofie estetiche e scienze psicologiche,  lavora sulle attitudini creatrici liberate dalla malattia mentale. Analizzando gli scritti di Karpov, le relazioni e i verbali della commissione, si può osservare il passaggio a quella che Giordana Charuty definisce una sorta di “etnografia del processo di creazione”: progressivamente viene abbandonata la visione oggettivante della follia come malattia mentale per arrivare a definire non un’arte dei folli, ma una psicologia generale del conflitto creatore fondata sulla divisione della soggettività. Si inaugura così un completo rovesciamento di prospettiva: descrivere l’artista al lavoro induce a staccarsi dalla follia come diagnosi medica per farla diventare metafora culturale del fare creatore.

L'Accademia assicura per una decina d’anni la continuità con le circolazioni intellettuali e artistiche degli inizi del XX secolo. Gli anni delle “utopie radiose” finiscono col secondo decennio del Novecento: denunciata come "baluardo dell'idealismo", l’Accademia è sciolta nel 1928 e chiusa definitivamente nel 1930; molti studiosi saranno consegnati a un tragico destino. Cancellata dalla storia culturale, solo a partire dalla metà degli anni Novanta, man mano che si aprono gli archivi, diventa oggetto a livello internazionale di un vasto movimento di ricostruzione storiografica, di pubblicazioni e di analisi.

In questo movimento si colloca il libro di Giordana Charuty ed Elena Prosvetina; oltre ad un ampio e approfondito saggio, permette di leggere in traduzione francese l’opera dello psichiatra Pavel Karpov, L'activité créatrice des aliénés, 1926.

Per un approfondimento cliccate sul link

Invito alla lettura

Potrebbe Interessarti

(In)attualità del Pensiero Critico

Michel Foucault

2015-2018
scopri di più
Riaccendiamo Il Classico

Le Supplici di Eschilo: ieri e oggi

7 dicembre 2017
scopri di più
Convegno sul Sogno

Il Sogno

Angela Peduto
25 maggio 2013
scopri di più
La Musa Inquieta

Dichiarazione dei poeti (Déclaration des poètes)

Patrick Chamoiseau
22 giugno 2024
scopri di più
Pagine Nomadi

"Storia della follia nell’età classica" di Michel Foucault: il significato della follia.

Jean Lacroix
15 marzo 2024
scopri di più
Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.